Il lavoro pratico su se stessi

Che cos’è il lavoro pratico su sé stessi e come si fa?

Iniziamo dal dire che cosa non è: possiamo facilmente affermare che non è necessario tirare in ballo la <<magia>>.

E’ pratico, lo dice la parola stessa. Per praticarlo serve un operatore qualificato che ne conosca i procedimenti, le sue domande e la struttura genarle del lavoro. Volete sapere in una battuta che cos’è il lavoro sulla macchina biologica umana? Domande e liste di domande alle quali dare una risposta. Le risposte ovviamente sono le vostre consapevolezze che, una ad una, vanno a costituire la vostra personale verità: così facendo avete appena iniziato a costituire la vostra prima filosofia.

Possiamo poi continuare dicendo che il lavoro pratico su di sé è la  personale generazione di un’intima conoscenza che non aspetta altro che la vostra curiosità per essere sviscerata.

Vi state chiedendo per chi è il lavoro pratico su di sé?

Il lavoro è per tutti coloro che abbiano maturato la decisione di dedicare due o tre orette alla settimane alla generazione metodica di cognizioni (Dal lat. cognitio -onis, der. di cognoscĕre ‘conoscere’ •primo decennio sec. XIV.).

Che cosa non è il lavoro pratico su sé stessi?

Non sono pratiche meditative, è già stato espresso sopra: sono domande alle quali dare una risposta personale. La risposta va a comporre la propria filosofia personale. Per chi lo avesse sperimentato, sa che è possibile ottenere una comprensione da una pratica meditativa. Purtroppo però la pratica meditativa non è un metodo di generazione di consapevolezze strutturato. La meditazione ha lo scopo di liberare temporaneamente l’attenzione dell’individuo. Per chi ha come obiettivo la generazione e la scoperta della propria verità, non può essere considerato come un valido strumento per un lavoro metodologico.

 

Ancora, il lavoro pratico su di sé non è composto da rituali. Non si effettuano movimenti di sincronia, danze sacre, non si utilizzano oggetti, amuleti, non si pronunciano mantra.

Si danno risposte a domande che servono a sondare la struttura della macchina biologia umana secondo la sua composizione: mente, essere, anima, corpo, entità altre.

Secondo i canoni del lavoro pratico su sé stessi qui proposto, come si struttura la mente?

Ne parleremo in un prossimo articolo.